auto elettriche

Le auto elettriche e i modelli ibridi, quindi quelli in grado di muoversi sia tramite ricarica elettrica che attraverso carburanti tradizionali, si stanno diffondendo sempre più.

Nessuna emissione inquinante, ma anche “troppo” silenzio

Questo trend non può che essere positivo, dal momento che questi mezzi azzerano le emissioni inquinanti, dunque sono assolutamente “amici” dell’ambiente, senza trascurare il fatto che consentono di risparmiare non poco a chi le utilizza.

Negli ultimi tempi, tuttavia, si è lanciato un allarme: quando questi veicoli procedono a bassa velocità, indicativamente al di sotto dei 20 Km/h, essi non emettono alcun rumore: sebbene una simile silenziosità possa senz’altro essere considerata un aspetto positivo, non bisogna trascurare il fatto che essa può avere dei risvolti negativi dal punto di vista della sicurezza.

Una norma che rende obbligatoria l’emissione di un suono

Proprio per questo motivo la United Nations Economic Commission for Europe sta lavorando per rendere ufficiale una norma secondo cui le auto che procedono in città a una velocità inferiore a quella indicata in precedenza dovranno necessariamente emettere un suono per evitare che possano rivelarsi in qualche modo pericolose, soprattutto per i pedoni.

Le case automobilistiche avranno piena discrezione per quel che riguarda il tipo di suono che dovrà essere emesso, a condizione che esso non superi i 75 decibel ad una distanza di 2 metri dal veicolo.

Si sta lavorando per realizzare dei piacevoli “suoni bianchi”

Si sta già lavorando alacremente per attrezzare le moderne auto elettriche e ibride affinché risultino coerenti con quanto disposto da questa nuova normativa, nell’attesa che essa divenga ufficiale.

Questo tipo di suoni ad ogni modo non saranno analoghi a quelli dei veicoli a carburante, ma saranno dei “rumori bianchi”, molto più piacevoli e delicati ma altrettanto efficaci nell’ottica della sicurezza.

30 Luglio 2018