ecobunus 2019

È diventato attivo dal giorno 1 marzo 2019 il cosiddetto Ecobonus, un incentivo che viene assicurato a chiunque voglia acquistare un veicolo a basso impatto ambientale.

Una misura che incentiva l’acquisto di veicoli elettrici e ibridi

L’obiettivo di questa misura è chiaramente quello di fare in modo che le vetture circolanti in Italia divengano meno inquinanti, e la nostra nazione ha sicuramente bisogno di migliorie da questo punto di vista.

Le automobili “green” non mancano affatto, tuttavia il loro prezzo più elevato rispetto alla media tende a scoraggiare molti cittadini, per quanto siano consapevoli del fatto che questi veicoli sappiano garantire un interessante risparmio in un’ottica di lungo periodo.

Con l’introduzione dell’Ecobonus, dunque, l’Italia si adegua a molti altri paesi europei i quali hanno appunto ritenuto opportuno adottare delle politiche ad hoc per favorire la diffusione di questi mezzi.

Entriamo dunque nel dettaglio e scopriamo le peculiarità di questi incentivi statali.

Ecobonus relativo ad auto elettriche

Chi acquista un’auto elettrica può godere di uno sconto pari a ben 6.000 euro laddove, in concomitanza con l’acquisto del veicolo, venga eseguita la rottamazione del vecchio mezzo; in assenza di rottamazione lo sconto ammonta a 4.000 euro.

È stato previsto un limite in termini di costo massimo per poter usufruire dell’incentivo, fissato esattamente in 50.000 euro IVA esclusa, di conseguenza gli incentivi menzionati non possono riguardare vetture con un prezzo di listino pari o superiore a 61.000 euro.

Questa misura esclude quindi dall’Ecobonus alcuni modelli di auto elettrica di lusso, come ad esempio Jaguar I-Pace e Tesla Model S.

Dal momento che i veicoli elettrici attualmente disponibili in commercio non sono numerosissimi, è possibile stilare un elenco completo di tutte le auto elettriche acquistando le quali si può godere dell’Ecobonus.

Esse sono, in ordine alfabetico: BMW i3, Citroen C-Zero, Citroen E-Mehari, Hyundai Ioniq, Hyundai Nuova Kona Electric, Kia Soul EV, Mitsubishi i-MiEV, Nissan Leaf, Nissan Evalia e-NV200, Peugeot iON, Peugeot Partner Tepee 5 Porte, Renault Zoe, Smart EQ for-two, Smart EQ for-four, Tesla Model 3, Volkswagen eGolf e Volkswagen eUp!.

Ecobonus relativo ad auto ibride

Sono previsti degli incentivi anche per quel che riguarda le auto ibride, e l’ammontare dello sconto viene calcolato in rapporto alle emissioni inquinanti.

Per le auto ibride, l’Ecobonus può vertere solo u veicoli che assicurano emissioni di CO2 comprese tra 21 e 70 g/km.

Lo sconto minimo ammonta a 1.500 euro, mentre quello massimo, in concomitanza del quale deve essere effettuata una rottamazione, è di 2.500 euro.

Anche in questo caso è possibile fornire un elenco completo dei veicoli attualmente disponibili sul mercato, relativamente ai quali è possibile usufruire dell’incentivo.

Essi sono esattamente BMW Serie 2 Active Tourer, BMW Serie 5 Berlina, Hyundai Ioniq, Kia Niro Phev, Kia Optima Phev, Kia Optima SW Phev, Mercedes GLC, Mitsubishi Outlander Phev e Mini Countryman; risulta invece al limite il caso del modello Toyota Prius Plug-in Hybrid, avendo delle emissioni dichiarate di 70 g/km.

Gli incentivi riguardanti l’acquisto di motocicli

L’Ecobonus partito il 1 marzo prevede degli incentivi anche per quel che riguarda l’acquisto di motocicli.

Chi acquista scooter e moto a funzionamento elettrico può infatti usufruire di uno sconto del 30% rottamando un veicolo Euro 0, Euro 1 ed Euro 2, entro un massimale di 3.000 euro.

25 Marzo 2019